Prima squadra

TUTTO IN BILICO SULLA SIRENA, POI "LAGIOIA" TERAMANA. NARDÒ AL TAPPETO

Al PalaScapriano termina 62-59 l'appuntamento con il 25° turno del girone C di Serie B: sulla sirena tripla decisiva di Andrea Lagioia e due punti a Teramo

Lorenzo Falangone
18.03.2019

Doveva essere il match in cui lanciarsi verso i playoff, ma l'incantesimo si spezza a due secondi dalla sirena finale, quando Lagioia firma la bomba che permette a Teramo di imporsi per 62-59. Per la Frata Nardò, dunque, il risveglio è amaro: due punti ai biancorossi e sguardo volto più ad evitare i playout che ad obiettivi maggiormente ambiziosi. 

Eppure la gara del PalaScapriano pareva incanalarsi verso altri binari. I granata partono forte e con un parziale di 4-14 (poi 9-14 al termine dei primi 10') spegne sul nascere la verve dei padroni di casa. Lentamente, però, Aromando e Canelo trovano i varchi giusti per infilare la difesa granata, Bjelic però è in giornata super e l'equilibrio è il vero dominatore del 25° turno del girone C: 26-27 all'intervallo lungo.

Nella ripresa Teramo ha un altro piglio: 6-0 di parziale con Fabi implacabile, poi Lagioia e Kekovic piazzano l'allungo che suona di ferita mortale per Bonfiglio e compagni: 48-39 prima dell'ultimo quarto. La Frata Nardò, però, si rialza: Bjelic è l'ultimo ad arrendersi (con 21 punti è il centro montenegrino il top scorer del match), Provenzano trova punti importanti, Canelo permette a Teramo di non demordere dopo un insperato sorpasso granata. Ultimi secondi e possesso Teramo sul 59-59: bomba di capitan Lagioia e Toro con le ossa rotte. Vano sarà il tentativo di Bonfiglio sul gong.

Al PalaScapriano termina dunque 62-59. Per la Frata Nardò un rientro con l'amaro in bocca e la sensazione di aver perso un treno importantissimo, forse decisivo, per sperare ancora di entrare in griglia playoff. Ora occorrerà rimettere presto assieme i cocci: domenica al Pala "Andrea Pasca" (palla a due alle ore 18.00) il derby pugliese contro Bisceglie.


Adriatica Press Teramo - Frata Nardò 62-59 (9-14, 17-13, 22-12, 14-20)

Adriatica Press Teramo: Juan Carlos Canelo 14 (6/9, 0/0), Andrea Lagioia 13 (1/1, 3/10), Simone Aromando 12 (6/15, 0/0), Lazar Kekovic 10 (3/3, 1/2), Matteo Fabi 6 (2/7, 0/4), Valerio Marsili 4 (2/6, 0/0), Luka Sebrek 3 (1/1, 0/1), Valerio Costa 0 (0/2, 0/1), Simone Di Diomede 0 (0/0, 0/0), Nazzareno Massotti 0 (0/0, 0/0). Coach: Massimiliano Domizioli

Tiri liberi: 8 / 17 - Rimbalzi: 37 8 + 29 (Simone Aromando 13) - Assist: 15 (Valerio Marsili 4)

Frata Nardò: Goran Bjelic 21 (5/8, 2/4), Simone Bonfiglio 10 (2/4, 0/3), Stefano Provenzano 10 (1/2, 2/5), Vittorio Visentin 8 (4/9, 0/0), Federico Ingrosso 7 (2/4, 1/2), Gionata Zampolli 2 (1/7, 0/5), Mathias Drigo 1 (0/1, 0/2), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Alberto Razzi 0 (0/0, 0/1), Gerardo Scardino 0 (0/0, 0/0), Pavle Mijatovic 0 (0/0, 0/0). Coach: Gianluca Quarta

Tiri liberi: 14 / 16 - Rimbalzi: 37 6 + 31 (Goran Bjelic 10) - Assist: 13 (Simone Bonfiglio 6)

Commenti

U18 RISORGE CONTRO POTENZA, U15 SI GIOCA TUTTO IN TRE GIORNI
COACH CATALANI (ALMA ACADEMY): "NARDÒ È SULLA STRADA GIUSTA"